Emanuela Marchiafava


I miei tre belvedere per la provincia di Pavia

Giorgio Boatti nel suo editoriale della Provincia Pavese del 1° maggio ha chiesto ai candidati presidenti di provincia d’indicare quali sono i loro “belvedere”, ossia quei luoghi o punti di osservazione “strategici” caratterizzati da “una peculiare combinazione di elementi naturali, storici, culturali”.

Ho immediatamente pensato a quali potessero essere i miei.

E, senza alcuna pretesa di sostituirmi a nessuno visto che la domanda era rivolta ai candidati presidenti e non ai candidati consiglieri provinciali quale io sono, ho cominciato a passare in rassegna le mie foto, quelle che ho scattato nel corso degli anni ai paesaggi e ai luoghi della mia provincia. A volte sono foto scattate di getto, altre volte ho aspettato mesi perché mi venisse l’ispirazione giusta, perché riuscissi a inquadrare con soddisfazione nell’obiettivo il paesaggio prescelto.

Tra le tante ne ho scelte tre e le ho abbinate ai tre temi che ho scelto per la mia comunicazione elettorale: il turismo, la mobilità e l’ambiente.

 

La prima è “Learning to travel”

Il turismo in provincia di Pavia potrebbe avere la bellezza e le potenzialità della bimba ritratta nella foto; un turismo equo e sostenibile come testimonia la mountain bike gialla appoggiata al muro, un turismo da allevare con la stessa cura e passione che ha avuto la madre di questa bambina, il cui risvolto dei jeans è ricoperto dello stesso tessuto usato per il  trolley.

 

La seconda è “Sunset over the bridge”

Sono dieci anni che attraverso il ponte sul Po di Bressana ogni giorno per andare a lavorare; sotto le ruote dei pneumatici è solo un nastro anonimo di cemento e asfalto, che altri devono manutenere.

In un freddo sabato di qualche inverno fa, invece, sono andata apposta fin lì e sono scesa lungo il Po.

Il ponte è bellissimo ma dietro incombe un tramonto gelido.

Lo stesso clima che è destinata a patire la mobilità pavesi e, con lei, i cittadini, i lavoratori e le imprese di tutta la provincia.

Per risolvere i problemi occorre cambiare prospettiva, percorrere le stesse strade con nuove domande perché anche i nostri gli occhi vedano di più e meglio.

Non abbiamo bisogno dell’autostrada Broni-Mortara, abbiamo bisogno di nuovi ponti e una migliore mobilità per noi, per i servizi sul territorio, per il trasporto delle merci che produciamo e di cui abbiamo necessità. Mobilitiamoci.

 

La terza è “Tutti in fila”

 

E’ forse la foto che amo di più perché immortala la dolcissima primavera del nostro Oltrepo, l’armonia delle sue forme e dei colori. C’è tutto l’amore per la mia terra qui dentro, e la scelta che ho fatto di viverci, di non andare altrove e di difenderla, per quello che posso.

Questa foto però è importante soprattutto per quello che non c’è, e che stava alle mie spalle quando l’ho scattata.

Gli alberi compongono il viale d’ingresso di una villa di campagna separata ormai solo da un campo coltivato dal centro commerciale di Montebello della Battaglia, che negli ultimi anni ha triplicato la sua superficie e accanto al quale sono sorti e continuano a sorgere altri centri della grande distribuzione organizzata.

Nella mia foto questo modello di sviluppo non c’è: proprio perché lo conosciamo non lo vogliamo, non ci servono altre idrovore commerciali che drenano posti di lavoro e consumano il nostro suolo.

 

Occupata, libera e pulita è la provincia che vorrei.

Spero che la vostra sia come la mia: una buona visione del nostro futuro.

Ce lo meritiamo.

 



1 – Occupata, libera, pulita:la provincia che vorrei

“Si può considerare veramente libero un uomo che ha fame,

che è nella miseria, che non ha un lavoro, che è umiliato

perché non sa come mantenere i suoi figli ed educarli?”

Sandro Pertini

 

OCCUPATA, LIBERA, PULITA: LA PROVINCIA CHE VORREI

Sandro Pertini, “il presidente di tutti gli italiani”, il presidente pragmatico, quello che parlava a tutti con parole semplici e umili, pensava al lavoro e al lavoro per tutti. Perché, alla fin fine, è sempre quello a fare la differenza tra chi sta meglio e chi sta peggio, tra una famiglia che può contare su un reddito sicuro e una invece che fatica a star tranquilla, tra una provincia ricca e una povera.

Le elezioni del 15 e 16 maggio prossimi per il rinnovo dell’amministrazione della Provincia di Pavia sono un’occasione per dare lavoro, per creare nuova occupazione con un nuovo programma di governo del nostro territorio.

L’ente provinciale è un’istituzione che può fare tanto per l’economia di un paese, di una città, di una zona. La Provincia di Pavia governa la Lomellina, il Pavese e l’Oltrepò pavese: dovrebbe curarne l’ambiente, sistemarne le strade e i ponti e promuoverne il turismo, ma negli ultimi anni ha fatto poco. Di turisti che girano per la provincia – e non solo per Pavia – portando soldi se ne vedono pochi; le strade sono bucate quanto le tasche del Governo mentre i ponti rischiano d’affondare, come quello della Becca, e l’ambiente aspetta attenzioni e cure per il nostro futuro e per le generazioni future nostre figlie.

La mia idea di Provincia è quella di un ente che, occupandosi di materie come appunto l’ambiente, la mobilità e il turismo, può amministrarle tutte e bene anche in funzione del lavoro. Come? Con una visione generale di ciò che si può fare, in ogni ambito, per creare occupazione. E per renderci tutti un po’ più liberi.

 

 



Mi candido
27/04/2011, 19:20
Filed under: Donne, Partito Democratico, Pavia, Politica, Territorio

Matteo, un caro amico che ringrazio di cuore, ha raccolto in questo video alcune delle immagini che raccontano la mia storia d’impegno politico, iniziata con le Primarie dell’Unione del 2005 e che ora mi ha portata qui, a candidarmi alla carica di consigliere provinciale nelle liste del Partito Democratico alle elezioni provinciali del 15 e 16 maggio.

Il testo che scorre nel video è una delle frasi chiave della mia campagna elettorale.

Se vi va di aiutarmi, diffondetelo e, se potete, sostenete la mia campagna, anche una micro donazione sarà preziosa, cliccando sul bottone “Donazioni” della colonna di sinistra.



Se non ora quando? Pavia – “Gente che mi piace” è la poesia che ho letto
17/04/2011, 10:47
Filed under: Donne, Poesia

Questa poesia mi è stata regalata da una donna della generazione precedente la mia, generazioni che a volte non si sono passate il testimone. Oggi lo hanno fatto, davanti ad una bellissima piazza pavese a cui ho dedicato questa poesia.

Gente che mi piace

Mi piace la gente che vibra,

che non devi continuamente sollecitare

e alla quale non c’è bisogno di dire cosa fare

perché sa quello che bisogna fare e lo fa.

Mi piace la gente che sa misurare

le conseguenze delle proprie azioni,

la gente che non lascia le soluzioni al caso.

Mi piace la gente giusta e rigorosa,

sia con gli altri che con se stessa,

purché non perda di vista che siamo umani

e che possiamo sbagliare.

Mi piace la gente che pensa

che il lavoro collettivo, fra amici,

è più produttivo dei caotici sforzi individuali.

Mi piace la gente che conosce

l’importanza dell’allegria.

Mi piace la gente sincera e franca,

capace di opporsi con argomenti sereni e ragionevoli.

Mi piace la gente di buon senso,

quella che non manda giù tutto,

quella che non si vergogna di riconoscere

che non sa qualcosa o si è sbagliata

Mi piace la gente che, nell’accettare i suoi errori,

si sforza genuinamente di non ripeterli.

Mi piace la gente capace di criticarmi

costruttivamente e a viso aperto:

questi li chiamo “i miei amici”.

Mi piace la gente fedele e caparbia,

che non si scoraggia quando si tratta

di perseguire traguardi e idee.

Mi piace la gente che lavora per dei risultati.

Con gente come questa mi impegno a qualsiasi impresa,

giacché per il solo fatto di averla al mio fianco

mi considero ben ricompensato.

Mario Benedetti (14.9.1920 – 17.5.2009) – scrittore, poeta e saggista

uruguaiano




Switch to our mobile site